Il cerchio si restringe

Torniamo in Costa d’Avorio; in questi momenti sembra che il processo di detronizzazione, si sia intensificato. Le milizie fedeli a Ouattara stanno conquistando mano a mano il paese, hanno preso la capitale Yamossoukro, importani città della costa compreso il vitale porto di San Pedro (il più grande snodo di scambio del cacao). Fonti raccontano che ormai, le forze del presidente eletto sono arrivate nella capitale economica Abidjan; dura lotta sarà la conquista del bastione sudista fedele all’ex presidente. Intanto il consiglio di sicurezza dell’ONU ha approvato altre sanzioni, mirate strettamente all’entourage di Gbagbo; troviamo restrizioni riguardo l’espatrio e congelamenti dei beni economici.

Sarebbe stupido pensare che, anche con la fine della diarchia si risolvano i problemi, è lecito pensare invece che il nuovo presidente si ritrovi un paese comunque diviso in due fazioni, starà a lui cercare un’unità ancora difficile dopo quasi dieci anni di guerra civile.

pbacco

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...