Stato Asovrano – economia

Inizia, con quello di oggi, una serie di post riguardo la progressiva perdita di sovranità da parte degli stati. Inizialmente, avevo previsto post separati, poi vedendo una sorta di argomento comune ho deciso di accorparli, almeno sotto lo stesso titolo, seppur ancora sotto post differenti.

Con perdita di poteri, non intendo la progressiva unione di stati in strutture sovranazionali, ma della perdita di poteri propri di uno stato (politica estera, politica monetaria, politica interna) a favore di altri attori, il più delle volte privati, che li gestiscono senza alcuna concessione popolare ma arbitraria, il più delle volte contro la volontà.

Passiamo ora ad analizzare il primo argomento, quello dell’economia.

La recente crisi economica, ha messo in risalto, quale sia la vera guida di una politica economica in un qualsiasi stato. In questo periodo, più che mai, perchè questo genere di limitazioni di certo non nascono adesso, l’agenda economica è fatta non dalla politica di governo, ma neanche da una struttura sovranazionale (vedi UE); il vero indirizzo viene dato dagli speculatori e dalle agenzie di rating, che con il loro potere economico o di sorveglianza, hanno il potere di cambiare la politica economica e monetaria di interi stati. L’esempio è dato dalle notizie che arrivano dalla Grecia, paese dato ormai in banca rotta. La strategia che l’Europa cerca, con qualche problema di unità, di perseguire, è di calmare gli investitori temendo una forte speculazione sul debito greco, che inevitebilmente si diffonderebbe al resto dell’eurozona.

Uno dei compiti e poteri di uno stato nazionale sovrano, è quello di emettere carta moneta e di imporre tasse, ora ci troviamo di fronte a stati asovrani, dove una delle caratteristiche tipiche viene cancellata, anzi sarebbe meglio dire delegata in maniera arbitraria.

Altro amaro esempio, è quello sperimentato da molti paesi in via di sviluppo attraverso la banca mondiale, o più in geneale con i prestiti fatti dai paesi industrializzati, ma su questo argomento sarebbe interessante aprire un nuovo post, per non sovraccaricare questo.

Ci troviamo di fronte a stati di paglia, vuoti all’interno, soggetti da decisioni imposte da agenti esterni.

pbacco

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...