Anarchia somala

La grave crisi alimentare, che sta affliggendo il corno d’Africa, è peggiorata dal sommarsi di una profonda crisi politica e sociale che riguarda l’intera area; in particolare la disastrata Somalia, si trova in una situazione di paralisi totale in preda a spinde secessioniste delle due autoproclamatosi stati del Somaliland e Punthland. Nel restante territorio c’è una lotta tra i fondamentalisti islamici ed il governo per il “controllo” di quel poco che rimane; una spartizione sottile ed instabile.

Il risultato è la continua migrazione di popolazione somala, che cerca la sopravvivenza nei paesi vicini, Etiopia, Sudan ma soprattutto il Kenya. Come già parlato in un’altro post, è in quest’ultimo paese che si trova il più grande campo profghi del mondo; è in questo enorme centro di raccolta che, centinaia di migliaia di persone trovano rifugio da carestia, guerra, stupri e persecuzioni.

Considerando che più di un milione e mezzo di somali è rifugniato all’estero e, che una cifra imprecisata è emigrata internamente, si può affermare che ci troviamo di fronte ad un’enorme paese migrante. La crisi somala ha prodotto anche instabilità regionale, dimostrato dal fatto che le zone del Kenya confinanti sono vivamente sconsiliate, dal fatto che questo paese è utilizzato come base per i gruppi quedisti, dal fatto che è usato come base dai pirati che attaccano le navi che attraversano l’oceano indiano per proseguire verso Suez. Insomma la crisi di un paese, causa inevitabilmente una seria di crisi regionali, destabilizzando i paesi vicini. Purtroppo la situazione non sembra nè di semplice soluzione, nè di imminente soluzione; questo porterà, come sta già accadendo, ad un moltiplicarsi delle persone che cercheranno un rifugio nei paesi confinanti, e ad un’aumento delle richieste di aiuti umanitari.

pbacco

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...