Un piccolo paese sempre più importante

Il Burkina Faso, uno dei paesi più poveri al mondo, si trova da tempo al centro di una trama diplomatica regionale; ora è assorto anche ad un ruolo internazionale importante. Il suo presidente Blaise Compaore, ha assunto il ruolo di mediatore nelle varie crisi dell’area; prima fra tutte quella ivoriana, in cui il piccolo stato africano ha svolto una notevole azione mediatrice, anche perché molta della sua economia dipende dal grande vicino.

Molti altri sono i vari interventi intrapresi, tra cui troviamo la crisi togolese del 1993, nel 1995 la crisi ciadiana, 2006 la seconda crisi togolese, nel 2008 con mandato dell’Unione Africana ha svolto la pacificazione e l’organizzazione delle elezioni in Guinea. Ultima in ordine di tempo è la recente crisi maliana; recentemente un gruppo di rappresentanti delle delegazioni presenti in Burkina, ha creato un gruppo degli amici del Mali, così da coordinare la azioni da svolgere insieme, una sorta di gruppo di contatto per monitorare la situazione.

Dopo il caos dovuto al golpe e l’avanzata islamista, la situazione è lontana dal riassorbirsi; è sempre più vicino l’invio delle forze ECOWAS nel paese sub-sahariano, per proteggere le fragili istituzioni transitorie. Questo folto intreccio di mediazioni, ha fatto diventare questo paese un attore sempre più importante nel panorama africano.

Oltre al proprio ruolo africano però, il paese integro, è al centro anche di importanti relazioni internazionali. In questo campo troviamo una sempre maggiore cooperazione internazionale. Oltre la pluridecennale amicizia con Taiwan (uno dei due paesi africani ad avere rapporti con questo paese asiatico), ora si sono aggiunti dal 14 giugno la Germania, la quale ha firmato un accordo per un valore di 59,5 milioni di euro in promozione agricola, decentramento e sviluppo comunale; uno stesso processo di cooperazione è stato potenziato anche dallo stato italiano. Una lotta contro la povertà, in un’area che è diventata sempre più importante come baluardo contro l’avanzata dell’integralismo.

In questo solco si pone anche l’altra faccia di aiuti occidentali. Aiuti in formazione militare sono sempre giunti dalla Francia, dal 2009 però il Burkina Faso è al centro della politica degli USA contro i gruppi terroristici del Mali, Nigeria e Maghreb. Ouagadougou è diventata la base delle operazioni segrete condotte dagli Stati Uniti d’America in Africa occidentale, da qui partono velivoli che raggiungono i paesi limitrofi; droni (Predator e Reaper) sono dislocati insieme ad aerei ad elica dotati di sofisticate tecnologia: infrarossi, radar per scovare telefonini, telecamere ad alta risoluzione.

Grazie anche alla su una centralità geografica, della sua vicinanza politica all’occidente, alla sua relativa stabilità politica (tranne le rivolte dello scorso anno), ad una buona politica diplomatica, questo paese è diventato sempre di più un vero e proprio snodo geopolitico.

pbacco

Annunci

2 thoughts on “Un piccolo paese sempre più importante

  1. Anonimo 3 gennaio 2013 / 16:23

    #AL COMMENTO SONO STATE TOLTE LE PARTI NON CONFORMI ALLE REGOLE DEL BLOG#
    blaise compaore traditore della causa africana

    Mi piace

    • pbacco 3 gennaio 2013 / 19:40

      Si prega di usare un linguaggio più civile, soprattutto nei commenti critici. pbacco

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...