Solo un voto?

Molto tempo è passato dall’ultimo post; pigrizia, nuovi impegni e una mancanza di spunti, non perché non siano accaduti avvenimenti importanti, ma per una mia mancanza di scintillio da scrittura, mi hanno allontanato dal blog.

Tornando all’argomento del titolo, tra pochi giorni, si svolgeranno le elezioni americane, o meglio le elezioni per eleggere il prossimo presidente degli Stati Uniti d’America, o meglio l’elezione dei grandi elettori che poi voteranno il prossimo presidente.

Sì, perché quella che viene proclamata elezione del prossimo presidente degli Stati Uniti d’America, in realtà non è altro che l’elezione dei grandi elettori, che attraverso il mandato dei cittadini, votano a propria volta il capo supremo della nazione. Questo è un aspetto che quasi mai nessuno sottolinea, ma è una delle procedure che la democrazia americana ha. Ecco quindi alcuni spunti di riflessione:

  • Per votare bisogna registrarsi, in maniera anticipata, agli elenchi dei votanti
  • Per vincere le elezioni non serve avere il maggior numero di voti popolari, ma il maggior numero di stati conquistati
  • Esistono stati in cui il voto è già certo, sono pochi stati a decidere realmente lo spostamento a favore di un candidato o dell’altro (swing state)
  • Le contee, la suddivisione elementare del territorio, ricopre a volte lo stato sociale delle persone residenti, create per rendere il voto delle minoranze inutile
  • La data delle elezioni, scelta storicamente per non intralciare i cicli di agricoltura, non è stata modificata. Anche il giorno, infrasettimanale, fu scelto per poter consentire a chi non abitasse nelle vicinanze, il tempo per poter tornare nella cittadina di residenza
  • Non tutti gli stati votano lo stesso giorno
  • Non è vero che la competizione si svolge solo tra due grandi partiti/candidati, anche in questa elezione ci sono altri due candidati minori, con circa il 3% di preferenze

È solo un voto? Ovviamente no. In primo luogo perché è un sistema di valori, storia, economia, che vota; in secondo perché, il prossimo inquilino della Casa Bianca, rimane comunque uno dei personaggi più importanti e influenti della politica mondiale (anche se a volte il suo potere è un po’ ingigantito), quindi è un evento di rilevanza planetaria.

Per quanto riguarda questa tornata elettorale, abbiamo due candidati principali. Da una parte Trump, con l’atipicità che lo contraddistingue rispetto gli schemi tradizionali finora visti, un personaggio che incarna il sogno americano, una persona che non ha filtri, che non ha mai avuto simpatie nel partito, ma che piace al proprio elettorato (odiato dagli altri). Dall’altra parte la Clinton, certamente molto più istituzionale, ha il sostegno del suo partito, dei media e della parte intellettuale, ma offuscata dagli scandali sulle famose email scambiate con account personali, e in quanto donna ancora discriminata da alcuni.

Fattori molto importanti saranno:

  • la voglia di cambiamento dopo due mandati democratici, cosa molto sentita in america, dove ciclicamente si preferisce cambiare e non mantenere il potere nelle stesse mani
  • il malcontento del ceto medio sempre più impaurito dalla crisi economica e spirituale della nazione
  • la questione di sincerità e affidabilità della Clinton dopo lo scandalo email, temi basilari per avere una caratura presidenziale

Aspettiamoci tranquillamente un finale inaspettato.

 

pbacco